Controlla Prezzi e Disponibilita' online

Scopri le attrazioni del centro di Milano

Scegli un itinerario:

  • culture
  • gastronomy
  • sports
  • parksgardens
  • nightlife
  • shopping

Come arrivare da

Route not available Please select Marker first

45.458445

9.18663 16

Tante sono le cose da vedere a Milano. La Pinacoteca di Brera è meta d’obbligo per gli appassionati d’arte. Nata accanto all'Accademia di Belle Arti per finalità didattiche, giunta al bicentenario della sua esistenza, è oggi un museo di grande rilievo internazionale. Tante sono le attrazioni culturali da scorpire nel centro di Milano: All’interno del Palazzo di Brera si trovano preziose collezioni di dipinti sacri, raccolti ai tempi del Regno Italico e dell’impero napoleonico, ma anche opere di artisti del ‘900, tra i quali Boccioni, Braque, Carrà, De Pisis, Marino Marini, Modigliani e Morandi.

Tra le cose da vedere senza dubbio i caratteristici di Brera sono inoltre le gallerie d’arte e i mercatini d’antiquariato, che si svolgono ogni terza domenica del mese, in questo storico quartiere che ospita anche eccentrici artisti di strada. Milano “by night” è ancora più affascinante, se vista dal Carlyle Brera Hotel! Vicino ai bar e locali alla moda, ben frequentati da turisti, studenti ed assidui habituè del posto.

Altra istituzione storica di Milano che ha una sede vicino all’albergo è il Piccolo Teatro, fondato da Giorgio Strehler e Paolo Grassi.

Anche L' ospedale Fatebenefratelli, uno dei piu' grandi e importanti d'Italia, si trova a pochi passi, mentre la fermata Moscova della metro a 20 metri permette di raggiungere comodamente la fiera campionariaMilano City o una delle principali attrazioni della citta’: il Duomo di Milano.
<span>Palazzo Clerici </span>

Palazzo Clerici 

Palazzo Clerici è l’emblema rappresentativo della bellezza di Milano: una facciata elegante e discreta che nasconde lo sfarzo degli interni di una dimora nobiliare affrescata da Giovanbattista Tiepolo. Merita una visita: è in Via Clerici, 5.

Distance to the Hotel

San Maurizio al Monastero

San Maurizio al Monastero

Dopo 30 anni di restauro riapre la “Cappella Sistina di Milano”: la chiesa di San Maurizio al Monastero è nuovamente visitabile. I suoi 4.000 metri quadrati di splendidi affreschi cinquecenteschi sono attribuibili a Bernardino Luini e alla sua scuola.  La chiesa è situata in Corso Magenta 15.

Distance to the Hotel

MUDEC

MUDEC

Quest’anno ha aperto a Milano, in via Tortona 56, il MUDEC – Museo delle Culture.

Il recupero della ex fabbrica Ansaldo, testimonianza di archeologia industriale, ha permesso la creazione di un polo multidisciplinare dedicato alle culture del mondo.

Alla mostra permanente che espone il patrimonio etno-antropologico di proprietà del Comune di Milano si succederanno mostre temporanee e numerosi eventi in uno spazio poliedrico dotato di auditorium, bistrot, ristorante, spazio junior e laboratori creativi e multimediali.

Ph: facebook.com/mudec.museodelleculture

Distance to the Hotel

Casa Atellani – Vigna di Leonardo

Casa Atellani – Vigna di Leonardo

In Corso Magenta, di fronte al Cenacolo di Santa Maria delle Grazie sorge un luogo fuori dal tempo e indescrivibilmente affascinante: La Casa Atellani e la vigna di Leonardo.

La Casa Atellani è un edificio quattrocentesco finemente affrescato, antico luogo di cene e feste, centro privilegiato della vita mondana milanese. Gli affreschi sono attribuiti alla scuola di Bernardino Luini, mentre l’ultimo restauro architettonico è stato realizzato dall’Architetto Piero Portaluppi, autore di Villa Necchi Campiglio.

La vigna di Leonardo è stata regalata a Leonardo da Vinci da Ludovico il Moro come riconoscimento per le opere che ha realizzato per la città di Milano. Diverse vicissitudini ne trasfigurarono l’aspetto ma attualmente è stata riportata alla vita ed è stato ripiantato il vitigno originale: la Malvasia di Candia. 

Distance to the Hotel

Pinacoteca di Brera

Pinacoteca di Brera

Una collezione di opere d’arte voluta da Maria Teresa d’Austria nel 1776 da dedicare alla formazione degli studenti dell’adiacente Accademia di Belle Arti che Napoleone volle trasformare in un museo. É ubicata nel grande complesso di Brera insieme ad altri edifici quali la Biblioteca Braidense, l'Osservatorio Astronomico, l'Orto Botanico, l'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere e l'Accademia di Belle Arti. Attualmente ospita una delle più importanti collezioni di quadri d’Italia distribuite in 11 sale. Tra gli autori delle opere esposte, citiamo Andrea Mantegna, Caravaggio, Raffaello Sanzio, Giovanni Bellini, Donato Bramante, Correggio, Francesco Hayez, Umberto Boccioni e Amedeo Modigliani.

Ph: facebook.com/PinacotecadiBrera

Distance to the Hotel

Teatro Manzoni

Teatro Manzoni

Via Manzoni, 42

Nel 1850 a Milano nasce la Società Anonima del Teatro Sociale, con lo scopo di riportare in auge il teatro di prosa. Il Teatro della Commedia, in piazza San Fele, ha una capienza di 1000 spettatori, ed è la sede di questa Società. Il nome sarà cambiato in Teatro Manzoni alla morte del grande scrittore, nel 1873. e’ qui che Verdi assistette alla messa in scena di Pamela Nubile, di Goldoni, interpretato da Eleonora Duse. Il teatro fu chiuso nell’agosto del 1943, a causa dei danni subiti per i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Fu riaperto nel 1950, nella nuova sede di via Manzoni 42.

Distance to the Hotel

45.471432

9.19436

Palazzo Poldi Pezzoli

Palazzo Poldi Pezzoli

Via Manzoni 12-14

Oggi è diventata un importante museo, e lo è dal 1881, quella che inizialmente era la casa del nobile Poldi Pezzoni, collezionista d’arte. Curioso l’aneddoto legato alla sua morte, che pare sia avvenuta accidentalmente, essendosi il nobiluomo rinchiuso in una cassa della sua collezione, nella quale era entrato per verificarne i tesori della sua collezione. Secondo il gusto dell’epoca, siamo nella prima metà dell’800, il museo presenta una raccolta di sculture, pitture, cineseria e oggettistica proveniente da viaggi.

Distance to the Hotel

45.468274

9.191401

Grand Hotel et De Milan

Grand Hotel et De Milan

Via Manzoni, 29

“Appositamente costruito secondo i bisogni e i comodi richiesti dal progresso dell’epoca, recita la reclame dell’epoca. Inaugurato nel 1863, è stato progettato da Andrea Piazzala. Quando l’hotel cominciò a mettere a disposizione dei clienti un servizio di posta e telegrafo, questo attirò un pubblico di nobii, persone d’affari e diplomatici. In questo hotel è ancora funzionante il primo ascensore idraulico Stiegler! Fu residenza di Verdi, all’appartamento 105, dal 1872.

E’ possibile visitare la stanza che, con i mobili, il pianoforte, il tavolo da studio ed un piccolo divano è stata preservata come era uso viverla il Maestro.

Distance to the Hotel

45.470129

9.192807

Palazzo Olivazzi

Palazzo Olivazzi

Via Bigli 21

Residenza della Contessa Clara Maffei, a seguito della separazione dal marito. Il “salotto” della contessa era frequentato dai grandi nomi della musica e della cultura internazionali. Da Franz LIszt, ad Alessandro Manzoni, allo stesso Verdi, suo grande amico. Al piano di sotto a quello della Maffei abita Ambrogio Nava, architetto che ha restaurato la guglia maggiore del Duomo, su cui è posta la Madonnina. Sempre in questo “stabile”, dal 1894 per sei anni, abiterà Albert Einstein, emigrato quindicenne a Milano assieme al padre, che gestisce un negozio di motori accanto alla centrare elettrica di Santa Radegonda.

Distance to the Hotel

45.469674

9.192598

Caffè Cova

Caffè Cova

Ieri: via Manzoni, angolo via Verdi

Fondato nel 1817 da Antonio Cova, era noto come “caffè del Giardino”. Sul caffè prese poi posto il Casino de Nobili. Locale raffinato ed elegante, dove fu festeggiata l’incoronazione di Ferdinando e Maria Carolina d’Austria. Frequentato anche dal maresciallo Radetzky, ha un ruolo di primo piano durante le Cinque Giornate. Una pallottola vagante andò a colpire una specchiera del locale, e fu poi esibita come eroico trofeo. Nel 1868 l’azienda Cova fu autorizzata a stampare moneta. Il Caffè era spesso frequentato da Verdi, che vi incontrava librettisti ed alcuni amici.

Distance to the Hotel

45.468128

9.195355

Teatro Alla Scala

Teatro Alla Scala

È il 1778 quando, su quello che fu il Teatro Ducale, e dopo la demolizione della chiesa di Santa Maria della Scala, nasce il tempo della musica milanese. Stendhal usava il suo palco come “luogo di lavoro”, dove scrivere e rileggere.

Questo è il luogo in cui avviene la consacrazione assoluta di Verdi.

Distance to the Hotel

45.452484

9.154775